Correzione estetica del cosidetto naso etnico

Uno degli interventi che vengono praticati con molto successo già da anni presso la nostra clinica sotto la guida del dott. Rajko Toncic è la correzione del cosiddetto „naso etnico“. Nella maggior parte dei casi si tratta dei pazienti di razza nera o di origine asiatica che hanno una particolare anatomia del naso: la parte ossea meno espressa, la punta cadente e molto morbida e le narici larghe.
La punta cadente o morbida è un'irregolarità che può deteriorare l'aspetto estetico del naso. In questi casi l'angolo tra la punta del naso e il labbro superiore è acuto. La punta è collassata e morbida e senza naturale sostegno cartilagineo.
Per fissare la punta del naso, sostenerla e poi raggiungere l'altezza desiderata, ci vuole un sostegno alla base del naso per poter sollevare e fissare la punta. Da molti anni si usavano come sostegno materiali artificiali come silicone o medpor, i quali, a causa di numerosi difetti, non sono accettabili.
Uno dei pochi metodi sicuri che oggi abbiamo a disposizione per la correzione della punta del naso cadente è l'inserimento di un impianto di cartilagine prelevata dal padiglione auricolare. Si tratta di un piccolo intervento, eppure molto impegnativo per il chirurgo, che spesso viene combinato con altre tecniche di rinoplastica. In questo intervento, la cartilagine prelevata dal padiglione auricolare viene rimodellata e impiantata nella base del naso, come sostegno alla punta.
Sul padiglione auricolare rimane una minima cicatrice dietro l'orecchio, quindi non percepibile. Dopo il periodo di convalescenza, sul padiglione auricolare non c'è più nessuna traccia dell'intervento. Il padiglione auricolare conserva la sua vecchia forma di prima dell'operazione perché la cartilagine viene prelevata dall'area dove non si percepisce la mancanza e la quale non è rilevante per l'aspetto del padiglione auricolare. A parte la punta del naso cadente e morbida, tali pazienti hanno la parte ossea del naso meno espressa – cosiddetta rino-lordosi, il che spesso rappresenta un gran difetto per loro. Perciò tale naso viene ingrandito, cioè la parte ossea mancante viene sostituita.
La parte ossea mancante nella maggior parte dei casi viene compensata con un impianto osseo prelevato dal bacino. L'impianto viene rimodellato secondo le necessità e inserito nella zona ossea del naso dove sostituisce la mancanza ossea congenita. Nella zona da cui viene prelevato l'impianto osseo rimane una minima cicatrice.
Si tratta di un'operazione tecnicamente impegnativa per il chirurgo, ma viene considerata un intervento minore. Con tale procedimento risolviamo il problema della parte ossea del naso meno sviluppata (rino-lordosi), presente nei pazienti di razza nera o gialla, mentre nei pazienti di razza bianca è meno frequente.
Nell'ambito dell'operazione del cosiddetto „naso etnico“, i pazienti che hanno la base del naso più larga, cioè le narici larghe, particolarmente i pazienti di razza nera spesso vogliono le narici più sottili. Questo difetto viene eliminato con un metodo relativamente semplice che spesso viene combinato con altre tecniche di rinoplastica.
Tutti questi metodi sopra menzionati vengono combinati in un gran numero di casi, il che ci rende possibile creare un naso bello e regolare, in armonia con le proporzioni del viso.
Possiamo dire che la correzione del „naso etnico“ è ancora uno degli interventi che già da molti anni vengono effettuati con successo nella nostra clinica.

Regalate la vostra fiducia all'équipe di chirurgi esperti sotto la guida del dott. Toncic
Correzione estetica del cosidetto naso etnico